Lifestyle
Posted in

Tresigallo, Città Metafisica: un borgo sospeso tra sogno e realtà

tresigallo città metafisica
Posted in

Tra gli orizzonti sconfinati della Pianura Padana, lambita dalle sponde del Po di Volano, esiste una cittadina unica nel suo genere: Tresigallo.

Nata come città di fondazione, si è guadagnata l’attributo di Città Metafisica e, se ve lo state chiedendo, è esattamente quello che sembra: passeggiare tra le strade di questo Comune è come entrare in un quadro di De Chirico.

​Una città nata da una visione

sogni tresigallo

Tresigallo è una città dalle atmosfere oniriche, forse perché progettata a tavolino e nata proprio da un sogno: quello di Edmondo Rossoni negli anni ‘30.

Rossoni, all’epoca Ministro dell’Agricoltura, desiderava dare un volto nuovo al minuscolo borgo in cui era nato. E, in effetti, del crocevia originario si hanno tracce sin dall’XI secolo, ma è con il ventennio fascista che quella frazione di 700 anime si trasforma in una città industrializzata nella quale confluiscono in così tanti da portare l’indice demografico a ben 9000 abitanti.

Il tutto grazie a una sapiente mossa di marketing, se così si può definirlo, in anticipo sui tempi: la costruzione di edifici adibiti alla lavorazione della canapa e della cellulosa, ma ancora di più la realizzazione di una strada che la collegasse per via diretta a Ferrara, portarono a un vero e proprio boom economico per la neonata cittadina.

Leggi anche: Tabù da scardinare, la bellezza dei capelli bianchi

​Un esempio unico di architettura razionalista

tresigallo architettura razionalista

Ma perché dovrei fermarmi a parlare di un borgo industriale costruito sulla base dell’architettura razionalista? Perché il caso di Tresigallo è un unicum.

Quando pensiamo al Razionalismo italiano, non possiamo fare a meno di associarlo alle architetture fasciste di cui è espressione. E, nella mente dei più, architettura fascista è sinonimo di casermone squadrato con finestre squadrate e squadrate ispirazioni. Se non fosse che, per questa cittadina, furono coinvolti i migliori artisti dell’epoca, ed è per questo che Tresigallo rovescia del tutto l’idea comunemente associata alle architetture razionaliste, pur essendone indiscutibilmente figlia.

È nei dettagli che Tresigallo si discosta dalle altre città di fondazione, nelle tinte pastello delle facciate, nelle decorazioni in marmo presenti su tutti gli edifici, negli spazi verdi e negli archi inanellati che fanno da cornice quando si passeggia immersi in un silenzio surreale. Anche le linee dritte ed essenziali tipiche del Ventennio si armonizzano tra loro creando pulizia e un continuo gioco di simmetrie che rende l’ambiente un vero scenario sospeso tra sogno e realtà.

Leggi anche: In cerca di umane simmetrie, la fotografia di Maria Svarbova

​Tresigallo, una città in grado di reinventarsi senza perdere se stessa

Ed è per questo che, col tempo, Tresigallo è stata riscritta e adattata alle necessità di una società in evoluzione, ma sempre senza che l’anima originaria ne venisse intaccata. Molti edifici sono stati riqualificati per usi diversi da quello originario – la casa della GIL è attualmente Casa della Cultura e ospita quotidianamente un gran numero di cittadini che vi si recano per consultare i libri della sua biblioteca – ma senza mai modificare gli impianti e le estetiche iniziali.

Tresigallo è una città che ha resistito, che si è reinventata nei decenni ma non ha mai perso di vista la sua pulsione originaria. Ed è per questo che artisti, architetti e fotografi vi si recano in cerca di ispirazione per poi restare inevitabilmente spaesati. Perché è proprio questo che si prova attraversandola. Un mondo sospeso, ormai quasi centenario eppure sorprendentemente moderno, tranquillo quel tanto che basta da sentire i propri pensieri risuonare, e sullo sfondo sempre un costante richiamo all’arte metafisica che tanto ci sconcerta e ci cattura.

Leggi anche: “Un mondo di poeti atei”: perché dovremmo riscoprire Valentino Zeichen, cantore contemporaneo e fuori dagli schemi

Join the conversation

Carrello 0

Login

Password Recovery

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.