funky tomato

Funky Tomato: la cultura enogastronomica che volevamo

Rivendichiamo il diritto di vivere e di cambiare.

La cultura non mangia, ma può essere alimentata: questa è l’idea dietro il progetto Funky Tomato. In un paese come l’Italia, una sorgente inestinguibile di meraviglie enogastronomiche, esistono ancora realtà che producono utilizzando i mezzi di un tempo. Non potremmo immaginare la cucina italiana senza la passata di pomodoro e in molti paesi del Sud Italia, durante l’estate, le strade sono invase dall’odore della salsa fatta in casa. È a questa tradizione che si ispira la mission di Funky Tomato, non una semplice passata di pomodoro ma il prodotto di un modello di filiera innovativo che punta a fare rete utilizzando la cultura.

La ‘cibosofia’ di Funky Tomato

La mission di Funky Tomato promuove un concetto di rete moderno e assolutamente positivo. A volte tendiamo ad associare quest’idea a quello che viviamo online: rete per noi è web, un intreccio di piattaforme che prelevano e analizzano i nostri dati per mero scopo pubblicitario. In questo caso, invece, riscopriamo il significato originario della parola rete, che è quello di connessione. Tutti i partecipanti al progetto collaborano e guardano insieme a uno scopo comune.

Il modello di base è quello di una filiera di produzione partecipata ad alto impatto culturale. Questo vuol dire che la passata di pomodoro non è soltanto un prodotto gastronomico, ma racconta la storia e la tradizione delle aree rurali della nostra penisola e in particolare del Meridione. Ma c’è ancora dell’altro. Consci delle gravi problematiche di chi lavora nel settore, il progetto si pone in un’ottica volta a contrastare lo sfruttamento dei lavoratori e a promuoverne la dignità prima di tutto come persone. Un’economia etica e responsabile, per utilizzare le parole degli stessi fondatori.

Leggi anche: POESIA E BELLEZZA, L’ARTE DI AZUMA MAKOTO

Un progetto multimediale che ha fatto il giro del mondo

Sono moltissime le persone che si sono unite al gruppo originario, tutte provenienti da ambienti culturali diversi e unite dalla stessa visione: creare un prodotto che non sia semplice merce da fruire, ma che racchiuda in sé un tesoro di etica, multiculturalità e valore. Oggi Funky Tomato è un marchio di rilevanza internazionale molto conosciuto nei circuiti di commercio solidale e utilizzato da ristoranti e pizzerie rinomati.

Dal 2018 Funky Tomato è diventato anche una storia multimediale che ha coinvolto scrittori, ricercatori e attivisti. Molti dei partecipanti hanno deciso di raccontare la propria esperienza attraverso video pillole di qualche minuto l’una. Storie personali e autentiche in grado di dimostrare che innovazione e tradizione possono incontrarsi e completarsi l’un l’altra senza problemi quando alla base ci sono saldi principi. Sul sito web ufficiale è possibile consultare la piattaforma editoriale del progetto, una rassegna di contenuti legati alle tematiche del cibo, dell’agricoltura, del lavoro, dell’ambiente, della salute, delle migrazioni e della multiculturalità.

Alimentare la cultura, è questo lo slogan che campeggia bene in vista sulla home page del gruppo. Uno slogan da interpretare, mai come in questo caso, in senso letterale.

Leggi anche: TABÙ DA SCARDINARE, LA BELLEZZA DEI CAPELLI BIANCHI

Condividi: